Stragistic Games & Breakin Silvio

Ultimamente ogni volta che leggo della morte di qualcuno avvenuta in circostanze “da chiarire”,
mi viene spontaneo associare la vittima ad una storia di sesso con Marrazzo.
Capirete il mio disgusto quando ho letto dei capodogli morti sulle spiagge pugliesi.

Ho preferito non approfondire per non rovinarmi l’appetito visto che avevo un appuntamento al ristorante
con Michelle Hunziker, e ho deciso di leggere qualcosa di sport.

“Sabato 12 Dicembre: Anniversario dell’inizio dei Giochi della Tensione,
un quindicennio italiano di grande rilievo sportivo inaugurato il 12 Dicembre 1969 con la famosa Cerimonia di Piazza Fontana a Milano, dove una grande folla di spettatori fu attirata a sorpresa dai rocamboleschi giochi pirotecnici alla Banca Nazionale dell’Agricoltura.

I Giochi della Tensione, come tutti i giochi di potere, avvenivano a porte chiuse, nei palazzi, senza spettatori né cronisti, diremmo “di nascosto” oppure “alla faccia nostra”, mentre grande risalto veniva dato invece alle periodiche cerimonie che ne cadenzavano la prosecuzione; ricordiamo la cerimonia di Piazza della Loggia a Brescia, la parata della questura di Milano, il circo sul treno Italicus e i fuochi della Stazione di Bologna.

Questi mega eventi furono possibili grazie alla collaborazione tra organizzazioni di estremi cittadini, proloco lobbystiche e fondazioni filantropico-massoniche.
Non va tralasciata la preziosa collaborazione dei servizi segreti,
i quali però, forse per eccesso di modestia, depistarono numerose volte le commissioni di onoreficenza confondendo le tracce della loro collaborazione.

Tra i vari recordman italiani durante i giochi, si vuole dedicare questa breve digressione sportiva al trionfo dell’atleta Pinelli nella gara di salto dall’alto.”

(nella foto in alto, lo stadio della Tensione)

BREAKIN PILLberlusconi aggredito
13 Dicembre, h23.48

Mi scuso per l’interruzione brusca, ma mentre questo articolo stava già facendo il giro del mondo, mi è giunta la notizia del miracolo:
Berlusconi lacrima sangue.

Stavo dirigendomi ad un Fata Verde Party e non ho certo intenzione di rimandare, né per colpa di un turbato mentale né per un tizio che lancia statuette.
Però mi ha colpito molto la foto di Berlusconi insanguinato, ho pensato che anche lui è umano e anche lui soffre;
ho quasi provato solidarietà, finché non l’ha fatto anche Fini.

Il mio è solo un presentimento, una strana sensazione, ma tutte quelle foto di Berlusconi insanguinato mi hanno fatto venire in mente che persino la seconda guerra mondiale è iniziata con una messa in scena.