Riforme di Coscienza


(pubblicato su Fuorilemura.com il 06/06/2011)

Partiamo dall’assunto che l’Italia non è una democrazia, ok?
Altrimenti parlare con voi diventa peggio che ragionare coi cattolici.

Dunque:
L’Italia non è una democrazia, è solo un posto in cui la gente è chiamata a esprimere la sua preferenza sulle tariffe di telefonia mobile (settore in cui i cittadini hanno ancora influenza) e una volta ogni tot mettono una “X” sopra un simbolo politico con la stessa coscienziosità di un tacchino di fronte ad una slot machine.

Le poche persone che ancora un pò si interessano di politica, cioè quelli che la usano per le truffe e quelli che la usano come scusa per riunirsi vestendosi di rosso e bere vino, sono una minoranza, e in quanto tale…cazzo volete?

In un paese così, cosa dovrebbe importarci il nome del presidente del consiglio?Assolutamente nulla, visto che l’Italia sta sprofondando nella schiavitù come gli altri paesi europei per motivi che la maggior parte dei politici ignorano, e quelli che li sanno hanno già pronta la villa con piscina su Saturno.

Per questo motivo, sostengo la proposta del sito Forzasilvio.it,e mi dichiaro a favore dell’elezione di Mara Carfagna a Presidente del Consiglio.

Se proprio dobbiamo tenerci un fantoccio della politica,preferisco essere circondato di foto di una moretta che sbarra gli occhi come se fosse sempre sorpresa di incontrare uomini col pisello di fuori,piuttosto che rischiare di vedere Alfano sorridente, che è come vedere un rospo che fa l’imitazione di Eddie Murphy.

Qualsiasi Presidente del Consiglio non cambierebbe il corso delle cose da solo, neanche se fosse eletta Lady Oscar.
E se davvero avesse fatto carriera politica blowjobbando a destra e a manca,non è sempre stato quello il modo per entrare nello showbiz?