LUCI SUL VARIETÀ


La battuta comica, stupida o intelligente che sia, se lasciata da sola sul palco è uno strumento misero per poter dare spettacolo sul serio al pubblico che hai di fronte.

La comunicazione dal palcoscenico vive di altri mille linguaggi, al di là della parola.

Le realtà italiane della comicità soffrono invece di una pesantissima influenza del battutismo.


Per queste ragioni, mi venne in mente tempo fa l'idea di unire un gruppo di TEATRANTI COMICI, cioè artisti che fanno comicità senza battute, sfruttando tutti gli strumenti che l'attore ha a disposizione e sfruttando i vari stili teatrali esistenti.
Eravamo tre attori, due clown, un comedian, una comedienne e un duo di teatro canzone.

Per tre anni abbiamo fatto spettacoli in ogni dove, mettendo in scena un varietà teatrale energico, carnevalesco, e abbiamo dimostrato che non solo esistono tanti altri modi per fare comicità, ma che essi possono convivere brillantemente ed arricchirsi insieme!

Sono passati tre anni.
Si sono aggiunte nuove persone.
E sono quasi commosso all'idea che stiamo per ricominciare!